Mandala


“La fiaba è una forma, la forma è una fiaba”. Kate Bernheimer, dal Writer’s Notebook: Craft Essays From Tin House. Leggilo qui.

photo credit: Thomas Hawk via photopin cc

L’antro era scuro e puzzolente; c’era un tanfo di putrefazione, nell’aria, che si mescolava con i vapori sulfurei che uscivano dal pentolone. All’interno un liquido giallastro sobbolliva quietamente, come se ben sapesse che la sua ora non era ancora giunta. La megera infilò una specie di mestolone e diede un rapido colpo col polso, poi si voltò verso la ragazza:

— Vedi, mia giovane apprendista? Fare la strega non è poi tanto diverso dal fare la cuoca. Non c’è differenza tra una ricetta ed un incantesimo: la differenza la fa sempre la mano di chi cucina.

La ragazza scostò la lunga frangia di capelli corvini, scoprendo due occhi color del ghiaccio e due labbra color del sangue; la pelle diafana del suo viso sembrava quasi emettere luce in quella oscurità. Allungò una mano titubante, verso il libro dei sortilegi che era aperto sul leggio.

— Non sarà la tua giovane età, — proseguì la strega, —  a farti riuscire gli incantesimi. E neppure la tua avvenenza: quella ti risparmierà solo la fatica di fare magie con gli uomini.

La risata della vecchia si spanse per il tugurio, grassa e laida: rideva per nascondere l’invidia cocente di chi, invece, nella vita ha dovuto sudare su ogni sortilegio. Guardò ancora una volta la sua giovane allieva: pensare di avere potere di vita e di morte su di un corpo come quello le procurava i brividi, ed allo stesso tempo la riempiva di spavento. Sapeva bene che, il giorno in cui la ragazza avesse preso coscienza dei propri poteri fino in fondo, nessuno sarebbe riuscito a tenerle testa. Neppure lei.

— Sfoglia, ragazza! Sfoglia quel libro! Troverai, alla fine, i Mandala della Vita.
— Cosa sono i Mandala, mia Maestra?
— Sono Forme. Pure. Triangoli, quadrati, cerchi. Si possono usare, se usati con sapienza, per produrre la realtà: il cosmo è generato da un Mandala, il più grande di tutti.
— In che modo?
— Devi vederli danzare nella tua mente. Quando ci riuscirai, sarai in grado di pilotare gli avvenimenti. Se fallirai, invece, i mortali avranno vinto una battaglia ed inventeranno una fiaba per magnificare il loro supposto trionfo. Naturalmente, gli umani tramandano solo le fiabe in cui loro sono vincitori ed occultano sapientemente tutte le volte che il lupo ha mangiato Cappuccetto Rosso. Anche tutte le Biancaneve morte avvelenate dalla mela sono state dimenticate da parte dei loro fratelli. Ecco perché dobbiamo soggiogarli: sono una razza inferiore.
— Cosa succede, Maestra, se io prendo questo triangolo e lo ruoto attorno al quadrato?
— Se lo ruoti a sufficienza, vedrai che davanti a un gran bosco abitava un povero taglialegna con sua moglie e i suoi due bambini; il maschietto si chiamava Hansel e la bambina Gretel…
— Se invece ruoto il quadrato nel triangolo?
— Allora scoprirai che c’era una volta un uomo, il quale aveva palazzi e ville principesche, e piatterie d’oro e d’argento, e mobilia di lusso ricamata, e carrozze tutte dorate di dentro e di fuori. Ma quest’uomo, per sua disgrazia, aveva la barba blu…
— Maestra: che belli questi incantesimi. Come vorrei già essere capace di farli!
— Ma lo diventerai molto presto: prima però dovrai imparare tutti i malefici del Necronomicon.

La ragazza non era affatto contenta dell’idea di dover studiare quel libraccio: un tomo alto così pieno solo di magia nera. Solo a pensarci le salì uno sbadiglio di noia. Quanto erano più interessanti i Mandala, invece: mentre le figure ruotavano e si compenetravano, nella sua mente vedeva nascere e crescere storie bellissime. Ma l’impressione di avere il mondo in mano è una sensazione difficile da controllare:

— Ancora uno, mia Maestra. L’ultimo, ve ne prego.
— Va bene: quale?
— Questo: ruotando il pentagono sul triangolo.

La strega sospirò. Poi disse:

— Quella che mi mostri è una combinazione potente: eseguendola, vedrai che l’antro era scuro e puzzolente; c’era un tanfo di putrefazione…

***

Leggi tutti i Saggi sulla Scrittura.

Annunci

12 thoughts on “Mandala

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...