L’abbandono


photo credit: Mermaid via photopin (license)

photo credit: Mermaid via photopin (license)

Henry Miller: Reflections on Writing

http://www.brainpickings.org/index.php/2012/11/30/henry-miller-reflections-on-writing/

“Understanding is not a piercing of the mystery, but an acceptance of it, a living blissfully with it, in it, through and by it.”

***

Mi ha lasciata. Se n’è andato, con lo sguardo impotente di chi vede capitare una tragedia alla televisione. Di chi vorrebbe fare qualcosa, allungare una mano, anche solo dire una parola ma si ritrova inerme. Impotente, persino, perché il vetro dell’apparecchio rende impenetrabile la realtà che rappresenta e ci immerge in un’esistenza che non ci appartiene.

Impossibile mettere in dubbio il suo amore: forte e disperato come quello del naufrago per il relitto galleggiante che si è trovato di fianco, al quale si aggrappa per sopravvivere. Ma io, tutt’al più, sono una barca, non un frammento fluttuante. Uno yacht, che nelle mani di uno skipper capace può solcare le onde amare e spumose dell’oceano della vita; sapendomi guidare, il giusto capitano avrebbe potuto tagliare il luccichio delle onde che fa esplodere il tramonto sulla superficie delle acque. Avrei potuto condurlo in ogni porto. Cullarlo nelle bonacce e proteggerlo nelle tempeste, fino a quando i venti si fossero arresi.

Eppure, come tutte le cose del mare, sono infida. Sono un cerchio, e lui ha cercato di usare riga e compasso per trasformarmi in un facile quadrato: oggetto talmente banale da bastare un lato per conoscerlo tutto. Fino all’ultimo decimale. Sono donna: ondeggio, e ancheggio, quando il tempo è clemente, ma appena la burrasca si alza posso essere devastante. Le unghie frangono sulla superficie delle mani e le parole si abbattono sulle spiagge che abbiano l’ardire di mettere un perimetro al mio debordare.

Se avesse saputo immergersi in me avrebbe trovato la pace. Dolci correnti, profonde e fragranti, l’avrebbero portato a esplorare la barriera corallina del mio cuore. I pesci multicolori dei miei sentimenti avrebbero giocato con lui, accarezzandolo con le pinne, e sulla superficie dei miei occhi sarebbe emerso l’amore, iridescente di notte per imitare il pallido lucore della via lattea.

Ma lui non era altro che un verme di terra. Marinaio d’acqua dolce. «Non riesco a capirti» m’ha detto. E se n’è andato, con le lacrime agli occhi, incapace di trattenere neppure quella poca acqua salata.

***

Vedi tutti i Consigli di scrittura di grandi autori

Annunci

9 thoughts on “L’abbandono

    • E quindi l’ho scritto male 🙂
      Lei è semplicemente una donna, abbandonata per ko tecnico dal suo uomo che non riesce a capirla.

      Si paragona al mare e alle cose del mare perché l’acqua non va capita: va presa com’è, sapendo che basta poco per affondare. 😉

      Mi piace

    • Ma alla fine è anche così: lei è donna (mistero senza fine bello) ma si sente “mare”. È inevitabile pensare che sia una sirena.
      Il bello di questi pezzi molto sfumati – quando si è capaci di scriverli – è che dovrebbero lasciare solo un’impressione, mentre ogni lettore lo immerge nella propria fantasia.
      Nel mio caso, invece, rimane solo un po’ di confusione. Però ci provo, perché mi piace la tecnica quasi al limite della poesia.

      Mi piace

  1. Ecco, il mio commento è nelle parole che hai usato tu: io trovo bello il racconto perché sembra, in effetti, una sfumatura di qualcosa e quando ho finito la lettura sono rimasta a pensare al mare, le sue onde, la barca alla deriva…alla sensazione lasciata da una storia che finisce.
    Ed ho percepito questa tua tensione verso la poesia anche nella tecnica narrativa, già scoperta in altre tue prove scritte.

    Mi piace

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...