Rodrigo


All’inizio del mese è partita una nuova tornata di racconti per Mimettoingioco:

C’è in ogni strada qualcosa che ci colpisce: l’odore del caffè che proviene da un bar; quello di bucato appena steso; i gerani aggrappati alla ringhiera di un balcone; una bottiglia abbandonata in un angolo; una scritta sul muro che dice di un improbabile amore. Una strada vuota è solo pietra e cemento, riempila di personaggi e dei loro gesti e diventerà una cosa viva.

Scrivi un racconto sul tema: LA STRADA

Nessun limite di lunghezza, ma solo una clausola: dal racconto, dalle descrizioni in esso contenute o dai dialoghi, deve emergere la collocazione geografica del luogo (intesa come città, regione o stato) senza che questa venga nominata esplicitamente.

Questo era il mio. Buona lettura.

***

Non si vive bene con la paura appiccicata addosso: siamo qui, in mezzo al nulla, con la rabbia che sale e le provviste che scendono. Tu te ne stai chiuso nella tua cabina, con l’arroganza dei capi che nessuno vuole più seguire; non ti sei guadagnato né il rispetto né l’autorevolezza. Ti è rimasta solo l’autorità e sei capo solo perché lo afferma un pezzo di carta; ma qui, in mezzo al nulla, la carta è buona solo per usi molto pratici.

Ti sei impuntato, da quel grand’uomo che credi di essere, e ci stai portando alla rovina. Non hai idea di ciò che stai facendo e stai seguendo il vento perché non hai idee migliori. Rimpiango il fatto che la mia salvezza, se verrà, sarà la tua, e che il mio successo, se lo coglierò, si tramuterà istantaneamente nel tuo trionfo. Ma io devo fare quello che faccio prima per me. Per i miei compagni. Se gratificherà anche te sarà affar tuo, ma non credere che me ne scorderò facilmente: passerò il resto dei miei giorni a ricordartelo.

C’è una grande strada, ma è alle nostre spalle: Iddio ci ha aiutati a farla così, larga e lunga, pavimento che segue il nostro percorso a ritroso, da dove siamo fino all’orizzonte sorgente del nostro viaggio. Sono passati giorni e lune interminabili, e infine un peso viscido ci ha preso: in molti vorrebbero cedere e tornare sui propri passi. Ma tu insisti: scavalchi i nostri timori e pretendi di proseguire qualche giorno ancora. Io sono la nostra unica salvezza. Solo io posso dare a tutti un futuro; tu puoi solo ricordarci il passato. Me ne sto di vedetta, con i miei occhi puntati sul domani e con gli occhi di tutti puntati addosso, come se la sorte dipendesse da me e fossi io l’artefice di questo mondo.

Forse è davvero così: tutto dipende da me, dalla mia forza di volontà, dalla mia capacità di persuadere il destino alla clemenza.

La solitudine, qui, mi pesa; sono solo nel buio, e le stelle mi dicono che la mezzanotte è passata da due ore. Ci vogliono le spalle larghe per sopportare le aspettative di tutti, compresi quelli che dovrebbero essere i destinatari delle mie. Annuso l’aria, nella speranza che mi porti una novità. Mi volto ancora una volta, e prego la strada alle mie spalle di aprirsi anche di fronte a me. La vedo piena di spuma, dopo aver tagliato le onde. Poi guardo davanti a me e sorrido: sarò io a dare la notizia che tutti si aspettano. Riempio i polmoni mentre penso che la gente ricorderà a lungo il mio nome. Mi chiamo Rodrigo e posso urlare: “Terra!”

Annunci

6 pensieri riguardo “Rodrigo

  1. Gran bel racconto, soprattutto per il finale in cui tutto diventa chiaro. E’ uno stratagemma che uso spesso anche io nei miei racconti, perché secondo me è tra quelli che, in letteratura, funzionano meglio per coinvolgere il lettore.

    Ho dato comunque un’occhiata anche al sito “mi metto in gioco”, non lo conoscevo. Sembra interessante!

    Mi piace

    1. Ciao e benvenuto 🙂
      Il finale è la parte in cui il lettore decide se ne sia valsa la pena, di leggerlo: giusto tenere per quel momento i fuochi d’artificio.
      Su “Mimettoingioco” ci si diverte a postare racconti anonimi e poi a commentarli insieme. Di solito, alla fine, si cerca anche di indovinare gli autori. Se ti piace l’idea, partecipare è facile!

      Mi piace

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...