Thriller n. 31: la votazione


photo credit: i voted via photopin (license)

photo credit: i voted via photopin (license)

Ho molto riflettuto sui vostri suggerimenti e, alla fine, ho deciso di seguire una strada che non imponga una rivoluzione, ma una evoluzione di quello che già abbiamo. Prima di tutto penso che sia opportuno dividere svolgimento e votazione, per dare il giusto risalto a entrambi i momenti di questo nostro gioco. Il meccanismo di voto, invece, lo lascerò com’è, con la sola differenza che pubblicherò i voti come per “Sostiene l’autore”: in questo modo si potrà vedere in diretta quello che i lettori pensano del nostro thriller. Se siete indecisi, potrete votare anche più svolgimenti. Se volete aggiungere una valutazione, anche numerica, il campo del commento ve lo permetterà.

Gli esercizi verranno presentati, alla domenica, in ordine di apparizione: in questo modo ciascuno potrà regolarsi se preferisce apparire in cima alla lista oppure verso il fondo. Gli svolgimenti aggiunti a votazione in corso saranno in un qualche modo evidenziati, per dare modo a chi vota di decidere se cambiare la propria scelta, rendendolo noto nel commento. È chiaro anche che la votazione è aperta a tutti quelli che abbiano voglia di leggere e di dire la propria: votando non si vince nulla, ma di sicuro si fa felice un autore!

Devo dire che a me è piaciuto molto lo svolgimento con la musica. Mi pare che le emozioni e il ritmo riecheggino in maniera molto evidente nella scrittura. Ma non sono io, che devo giudicare. Ecco, quindi, i nostri partecipanti. Più sotto, invece, troverete il modulo per la votazione e i voti. Buona lettura.

***

Michele

Persa. Ti eri persa, nel buio di Montmartre. Strade vaghe, sciolte nel bigio del sole che non illuminava più tutte le cose; dai lunghi muri, pieni di finestre orbe, uscivano sospiri, voci lontane, profumi alieni. Ad ogni svolta un dubbio. Ad ogni dubbio un nuovo angolo di strada, sempre più intriso di notte. Sottolineato dal rumore solitario dei tuoi passi, tacchi impauriti su un selciato indifferente.
Hai pensato di essere salva, quando hai visto quell’androne aperto. C’era una scala, che saliva. Una luce, lassù. Gialla e calda. Hai salito piano quelle scale, cercando di fare silenzio. Per sentire una voce, qualcosa, che potesse farti sentire sicura. Sei arrivata alla porta. Da dietro quel legno, odoroso di muffa e polvere, ridevano. Hai sorriso, e hai aperto. Accecata dalla luce, sei entrata un passo in quella stanza. Gli occhi si sono abituati, e hai visto. Ma avresti preferito non vedere.
Uomini. Uomini ubriachi. Dappertutto. Ti guardavano. Ridevano. Si sono alzati, e ti hanno stretto in un angolo. Poi sono state solo mani, risate, aliti verminosi, dolore, vergogna, schifo. Fino a quando i sensi, impietositi, ti hanno abbandonata.
Ti sei svegliata per sentirli dire che ti volevano legare. Buttare nel fiume, dicevano, e tu ci speravi. Ché l’acqua ti pulisse, prima, e poi ti desse la benedizione per dormire per sempre. Perché il domani non avresti voluto vederlo. Non avresti sopportato di svegliarti sotto un sole nuovo, con quel ricordo dentro. No, non era possibile. E, allora, che acqua fosse. Acqua nera, sporca, puzzolente, piena di topi affamati che si prendessero quelle carni luride che adesso ti vestivano le ossa.
Ti hanno gettata via. Hai sentito le onde accarezzarti, pietose. Ti hanno cullata. Hai riso. Hai pianto. Avresti voluto dormire, tra quelle onde fredde, ma c’era una mano. Era bianca, vestita di un guanto. Era di un uomo. E ti chiamava. Un uomo gentile, questa volta. Eri stanca e alla fine hai ceduto, hai lasciato che ti svegliasse.
Era il dentista. Voleva mezza corona. L’hai pagato. Rabbiosa. Felice. Ma c’era un ricordo nuovo, dentro di te. Era finto. Ma lo sentivi vero. Domani non sarebbe stato come oggi.

Marina

Chiuse gli occhi e li riaprì in un vicolo stretto di Montmartre, le luci di Parigi lontane, il gorgoglìo della Senna un suono dimesso che sapeva di abbandono e morte.
Le tenebre imposero un velo che scurì il cielo in pochi attimi. La coltre di buio creava una distorsione nel suo campo visivo che le faceva percepire distanze e percorsi in modo del tutto irreale. Le strade si allungavano e si stringevano in un’onda compulsiva e lei, al centro di un crocevia, vedeva ruotare tutto attorno a sé, ombre, muri claustrofobici, immagini alterate di palazzi che si trasformavano in giganti mostruosi con occhi e artigli pronti ad afferrarla, divorarla nell’oscurità della notte.
Immobile. Ogni suono amplificato, la paura un serpente insidioso che strisciava sulla sua pelle.
C’era una luce, in fondo alla strada, un puntino luminoso che si allargava e diventava speranza. La raggiunse in fretta, c’erano delle scale, le salì: al suo passaggio si muovevano sinuose come le anse di un fiume; un gradino e dopo un altro e quell’unica porta ad aspettarla in cima. La luce si fece accecante, come un flash intermittente in una stanza buia, mostrava a intervalli di pochi secondi i volti incarogniti di uomini sadici.
Occhi vitrei.
Grugni sanguinari.
Mani viscide sul suo corpo.
Urla e voci sguaiate mescolate in una danza frenetica di oltraggio e violenza.
Le risate di quei mostri divennero boato nel suo cervello e lo squittio degli orribili topi in riva al fiume una sgradevole musica alle sue orecchie.
Legata con una corda stretta sentì vicina l’ora della sua fine, quando lanciata dalla finestra abbracciò il vento e toccò la gelida superficie dell’acqua.
Buio. I suoni coperti dal silenzio ovattato delle onde.
Si abbandonò al vuoto che sentiva dentro, i polmoni lasciati senza aria, ansimante sprofondava sempre di più.
Ma il tocco di una mano le restituì il respiro, all’improvviso si sentì risucchiata dentro un tunnel, rapidi i suoi passi attraversarono la stanza dei mostri umani e tornarono indietro lungo le scale, attraverso i vicoli stretti e bui costeggiati da muri claustrofobici e ombre. Si trovò di nuovo in mezzo al crocevia, con il serpente della paura che, strisciando, si dileguava.
Chiuse gli occhi e li riaprì in una stanza illuminata da un neon; un uomo le teneva la mano, la sua voce docile e pacata le diceva: “tutto finito, signora. È tutto finito.”

Giulia Mancini

Perché mi sono avventurata in questo quartiere accidenti, ormai Parigi non è più una città sicura, non è più la città dell’amore. In questa strada buia mi sento troppo vulnerabile, anzi sono terrorizzata.
Bene, c’è una luce laggiù, forse sono al sicuro, mi sembra un locale pubblico, posso entrare e chiedere indicazioni per tornare indietro o farmi chiamare un taxi.
No, sono entrata nella tana del lupo, quegli uomini mi guardano lascivamente, sono perduta, ormai sono in loro balia. Non riesco a difendermi, mi stringono, mi molestano, mi strappano i vestiti. Il loro odore è rivoltante, un misto di vino scadente e cattive sigarette. Mi viene la nausea, sento le loro mani sulla mia gola. Non sono uomini, sono bestie. Penso questo mentre perdo i sensi.
Mi sento dondolare, non so dove sono, sono legata, tanta acqua intorno a me, sto soffocando, ormai aspetto che la morte mi liberi dall’angoscia.
Ma chi mi sta scuotendo, forse sono salva, vedo un camice bianco, un dottore!
«Si svegli signora, tutto fatto mezza corona prego!»

iara R.M.

Non saprei dire il momento preciso in cui il cielo è diventato un manto tetro senza stelle;
la luna è nascosta dietro a grosse nuvole scure. Per strada ci sono solo io.
Mi guardo intorno per vedere dove mi trovo: non ricordo di essere già passata di qua, non riconosco gli edifici, non ci sono le insegne colorate dei negozi; qui c’è solo un lungo muro fatto di pietre, gradinate che salgono e scendono, stradine strette che si snodano in altrettanti vicoletti che sembrano tutti uguali. Il buio silenzioso confonde i miei passi e rende il quartiere parigino di Montmartre un labirinto senza uscita. Mi sento persa, lo sono davvero?
L’aria soffia gentile, ma io tremo come se avessi freddo; metto le mani nelle tasche dello spolverino per tenerle ferme. La mente è pervasa da laidi pensieri e lascia sulla pelle tutte le cattive sensazioni del non sentirsi al sicuro. Cerco una soluzione, un riparo. Finalmente, lo vedo: una casa è un buon rifugio. La porta è socchiusa, entro: alzo lo sguardo e intravedo un bagliore tremulo in cima alle scale; decido di salire. Man mano che avanzo, un gradino dopo l’altro, sento le voci indistinte di clienti rumorosi. Questo mi conforta e affretto il passo, felice che ci sia qualcuno a cui chiedere aiuto. Apro la porta che mi si para davanti, mi basta una rapida occhiata per rendermi conto del posto in cui sono finita: nella stanza arieggia puzza di sudore mischiata ad alcool e fumo; in giro, solo uomini ubriachi. Sprofondo vertiginosamente nella consapevolezza di essere stata più al sicuro per strada. Indietreggio cauta, ma vado a urtare contro una sedia che cade e fa rumore. È un attimo, attiro la curiosità dei presenti e ne scateno le intenzioni. Questi, posano sui tavoli i loro bicchieri pieni di vino o forse, whisky e si avventano su di me: sono nel pallone, provo a scansare i tavoli, a trovare una via di fuga, voglio tornare indietro per infilare la porta. La vista si annebbia, qualcuno mi dice: “Ma dove pensi di andare bellezza?” Urlo di terrore. I maniaci mi afferrano, posano le loro mani avide e pesanti sul mio esile corpo. Mi strappano via i pochi indumenti che indosso: lo spolverino, il tubino rosso. Prendono quello che vogliono, mentre piango e imploro di lasciarmi andare; mi dimeno tra le loro braccia, ma rendo solo il gioco più divertente. Quando ne hanno abbastanza di me, mi legano e decidono di buttarmi nel fiume. Li lascio fare, non ho più forze per oppormi; non è rimasto nulla a cui ribellarmi. Trattengo il fiato, pochi istanti nel vuoto prima del contatto con l’acqua gelata. Loro, aspettano sulla riva di vedermi scomparire.
Io, mi sento libera. La corrente mi culla, mi trascina via accogliendomi tra le sue onde scure; comincio a dondolare. Sprofondo. Piango, credo, per l’ultima volta. Regalo le mie lacrime al fiume. Soffoco. I topi affamati, mi raggiungono per godere di quel pasto inatteso.
Vado a sbattere contro qualcosa, ancora e ancora una volta… una mano mi scuote, qualcuno pronuncia il mio nome; mi sveglio, finalmente la voce amica del dentista: «Tutto fatto signora. Mezza corona, prego!».

Seme Nero

Un passo dopo l’altro. Le mani sono i miei occhi, le dita seguono il profilo del cemento tra i mattoni ruvidi. L’oscurità è il mio manto, nessuna stella che l’adorni, nessuna falce a far da sorriso alla luna nuova.
Case scure, dormienti, tranne una: la porta che si apre e mi accoglie. Silenzioso invito, una luce scintilla su in alto, mi chiama da lunghe scale. Salgo, un passo dopo l’altro.
Rumori ovattati, chiacchiericcio sconclusionato, odori speziati di malto fermentato. M’immergo nel clangore e tutti tacciono. E fissano mentre cammino tra loro, un passo dopo l’altro.
Sorrisi malevoli, specchio di crudeli intenzioni. Mani libidinose, violente, mi accerchiano, mi cingono, mi tappano la bocca e soffocano le mie grida.
Volo, angelo morente nella notte di Montmartre, Caronte mi accoglie in gelide acque, i suoi fetidi seguaci banchettano delle mie carni.
E sprofondo, e muoio, un respiro dopo l’altro.
Mi scuote, il traghettatore. Reclama le due monete che mi coprono le orbite? No, nemmeno. Apro gli occhi. Mezza corona per l’incomodo, lesto il lavoro, perfetto il mio sorriso. Il canto di una fisarmonica riecheggia nel vicolo.

***

Il voto è anonimo.

***

  1. Voto per: Iara R.M.
    Commento: Il racconto assieme alla musica è quello che ha suscitato in me più emozioni.
  2. Voto per: Marina
    Commento: Mi è piaciuto molto tutto il brano, ma ho deciso per l’idea del finale: questo essere risucchiati all’indietro nel vortice del tempo.
  3. Voto per: Michele
    Commento: Da maestro la conduzione, il finale è strepitoso, col sogno che si impone e si imprime per sempre nel ricordo e nell’anima.
  4. Voto per: Seme nero
    Commento: Mi sembra quello che ha una scrittura con una struttura musicale, a prescindere dal brano che l’ha ispirata.
  5. Voto per: iara R.M.
    Commento: L’unione tra musica e testo è quella più suggestiva.
  6. Voto per: Seme Nero
    Commento: L’uso del linguaggio al limite del poetico è in accordo con la musica che l’ha generato.
  7. Voto per: Seme nero
    Commento: Una versione del tutto nuova del Thriller, con una visione che mi ha conquistato anche grazie alla musica di Bjork.
Annunci

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...