Storia in sei parole #30 – Parole intraducibili: Liberosis


Dicono che il primo sia stato Hemingway, per vincere una scommessa: «For sale: baby shoes, never worn» (Vendesi: scarpe per neonato, mai indossate). Di sicuro sei parole sono sufficienti a dipingere una storia. Persino un romanzo. Ma sono poche, dannatamente poche, e non è facile per nulla.

Lasciamo per un po’ il tedesco e le sue parole impossibili e torniamo all’inglese. Lingua semplice solo in teoria: oltremanica devono soffrire di invidia per la capacità che hanno i teutonici di inventare complicazioni e hanno deciso di non essere da meno. Oggi parliamo di liberosis, cioè il desiderio di preoccuparsi meno delle cose. Attenzione a non esagerare entrando nel campo dell’italico menefreghismo (anche noi, quanto a parole composte, non ci facciamo mancare nulla), che presuppone il fatto di non preoccuparsi punto delle cose.

Ecco le mie sei: «Mania di controllo. Basterebbe anche meno.» 

Giocate con me?

Annunci

19 thoughts on “Storia in sei parole #30 – Parole intraducibili: Liberosis

  1. Vorrei essere Zen ma non riesco.
    .
    Non c’è soluzione perché preoccuparsi?
    C’è una soluzione: perché preoccuparsi?
    Magari sapessi dar retta ad Aristotele

    Mi piace

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...