Storia in sei parole #34 – Parole intraducibili: Firgun


Dicono che il primo sia stato Hemingway, per vincere una scommessa: «For sale: baby shoes, never worn» (Vendesi: scarpe per neonato, mai indossate). Di sicuro sei parole sono sufficienti a dipingere una storia. Persino un romanzo. Ma sono poche, dannatamente poche, e non è facile per nulla.

Cominciamo ad avvicinarci alle feste: lasciamo le parole intraducibili che descrivono mali oscuri per parole intraducibili che parlano di amore e di gioia. La parola intraducibile di oggi è firgun: viene dall’ebraico e descrive la gioia, semplice e altruistica, di sapere che qualcosa di buono è successa a qualcun altro.

Ecco le mie sei più sei (visto il Natale incombente, dedicate a Tenar): «La cicogna ha fatto centro, alleluia!» ma soprattutto (Ernest, beccati questa): «Vendesi scarpine: lei cresce, loro no.»

Giocate con me?

Annunci

34 thoughts on “Storia in sei parole #34 – Parole intraducibili: Firgun

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...