comPLOTtando #2


Si tratta di suggerimenti diversi, da usare per scrivere un pensiero o anche una storia. Persino un romanzo, se vi va. Qui non si bada a spese e si regalano e inventano trame, suggerimenti, idee. Va bene qualsiasi cosa, anche storie in sei parole.

Saranno generalmente ispirati, presi o tradotti da quelli che mi vedo passare sotto gli occhi in arrivo dal mondo anglofono, grazie a posti tipo Promptuarium; per quanto riguarda me, la farina del mio sacco la trovate generalmente il venerdì con la biblioteca Scarparo. Naturalmente, ogni riferimento a fatti o persone reali è da intendersi del tutto casuale.

Pronti? Si parte!

complottando2

 

Annunci

20 pensieri riguardo “comPLOTtando #2

    1. In realtà funziona: all’università applicammo questa metodologia con successo. Lei non era ministro, ovvio, però raggiungeva lo scopo invariabilmente bene. Per dirla tutta, non era neppure oca: difettava in qualche campo d’applicazione, ma per il resto era una testa fina. 😉

      Mi piace

  1. Stavo scrivendo su una direttrice di una redazione, ma non mi convince. :/
    Dai… però con questi cliché che se son belle donne poi sono oche o con poco cervello. Ci sono anche brutte e poco intelligenti. O belle e intelligenti. O solo belle. O solo…. Vabbè, puntiamo sulla simpatia. 😛

    Mi piace

    1. Infatti l’esercizio si chiama proprio “kill the cliché” perché serve a uscire dai soliti schemi: per esempio lei potrebbe essere la più furba di tutte e sembrare oca, potrebbe essere solo truccata benissimo, addirittura essere un uomo (!?) ben truccato, potrebbe essere una spia di un governo straniero… L’unico limite è la fantasia 😉

      Liked by 1 persona

      1. Avevo pensato anche al colpo di scena con lei che in realtà è un lui. Oppure alla direttrice che arriva ben vestita, direttrice da poco, bella… tutti a pensar male. Invece lei, chiusa nel suo ufficio lavora sodo e … via i tacchi, giacca, gonna, ma una tuta e scaroe da ginnastica perché sennò lavorerebbe scomoda. Poi il vestito elegante lo userà al momento di ricevere qualcuno. Per questo non vuol essere disturbata. Quando però bussa la segretaria senza ricevere conferma di entrare, scoprirà una donna che oltre che bella e intelligente e operativa. Bella anche senza quel trucco, vestiti che la rendevano ancor più affascinante. Poi i commenti in redazione saranno altri,dopo che la segreteria spiffererà ciò che ha visto.

        Praticamente te l’ho narrata senza scriverla questa storia. 😀

        Mi piace

  2. Invece con la storia che lei potesse essere un uomo, mi ha fatto pensare a una canzone di Califano che brama per questa donna stupenda( però non accenna anche al fatto dell’intelligenza) e poi scoprirà la vera identità. Sto viaggiando di fantasia. 😀

    Mi piace

  3. Anch’io ho pensato alla Boschi, ma è bionda?
    Però non è giusto, chiedo la parità, ci sono ministre belle come la Boschi e ministri orripilanti come Brunetta e tutti gli altri (trovarne uno bello è dura)…insomma almeno l’occhio vuole la sua parte…

    Mi piace

  4. “E così, miei cari concittadini, fin dal giorno del mio insediamento voluto calorosamente da tutti voi, ho lavorato a un progetto solido che mette al centro di tutto l’amore, miei cari. Oh sì, l’amore, perché è l’unico che nobilita l’uomo più del lavoro. Oh, ma grazie, grazie degli applausi, cari, carissimi amici.
    E vi prometto che non mi sottrarrò alle mie responsabilità, sarò la vostra referente del cuore… Ma adesso vi chiedo di contribuire con determinazione e zelo alla costruzione di un futuro migliore per noi, per i nostri figli, per le generazioni che verranno. Guai a lasciarci andare alle fuggevoli apparenze, guai a cedere alle subdole, controverse, tentazioni. Rassegnarci mai, amare con coraggio, quello sempre. Viva l’amore, viva l’amore… Ma veniamo al contenuto della riforma: mi pregio di dirvi che…”

    Al termine di quel lungo intervento, si fece da parte e in un angolo nascosto della sala convegni si sfilò la parrucca bionda, tutto quell’acrilico in testa le aveva fatto venire il prurito. Tolse anche una scarpa col tacco e si massaggiò il tallone.
    Che fatica recitare un ruolo.

    Liked by 1 persona

Lasciare un commento è sempre una buona idea!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...