Acchiappami (se ci riesci) – invio di lettere e sinossi

photo credit: calligraphie via photopin (license)
photo credit: calligraphie via photopin (license)

Abbiamo giocato al gioco degli incipit. È stata una bella esperienza, dalla quale si possono trarre molti insegnamenti; visto però che ci siamo scoperti, azzardando qualche incipit nostro, è logico supporre che ci sia una storia da qualche parte che non aspetta altro che di essere inviata a una Casa Editrice, a un Agente o comunque a qualcuno che possa darci in cambio un Pass per la Repubblica delle Lettere. Per inviare una storia serve (spesso) una lettera d’accompagnamento; sbagliarla significa farsi cestinare ancor prima che la aprano. E raggiungere il cestino a pagina zero non è un grande risultato.

Oppure siamo imprendautori e vogliamo pubblicare in self: in questo caso sarebbe la quarta – vista anche come descrizione del libro o comunque quelle dieci righe che dovrebbero convincere a pigiare il fatidico tasto “compra” – a essere l’oggetto dell’analisi.

Allora ecco la mia idea: raccogliere le lettere e le quarte (non le storie!) e commentarle insieme, copiando (più o meno) il gioco chiamato “HOOK ME” di The Writing Café. Per migliorarle, esporne i punti deboli, imparare a riassumere la nostra storia e per mettersi dall’altra parte della barricata e capire cosa dovremmo dire e cosa no: scrivere una sinossi o una quarta, a volte, è più difficile che scrivere il romanzo. Allora, ecco il gioco dell’autunno (e oltre, se ci saranno adesioni): Acchiappami! (se ci riesci).

Perché è proprio questo, che dobbiamo fare: acchiappare chi prenda in mano quella lettera o quel libro e fargli venir la voglia di leggere la nostra storia.

Prima di tutto, le regole

  1. CASO LETTERA + SINOSSI) Scrivete una lettera come quella che mandereste a un Agente o a una CE. È chiaro che non serve la parte personalizzata all’inizio né i saluti finali (es. “Egr. Dott. Gran Lup. Man. Michele Scarparo, Le invio questa mia perché x, y e z. Distinti saluti.”). Vanno incluse le informazioni commerciali (es. titolo, numero cartelle, genere). Potete includere anche una vostra biografia/curriculum, se credete sia importante. Oppure potete lasciare la lettera anonima, verrà pubblicata comunque (a meno che non sia offensiva o inopportuna, a mio insindacabile giudizio). Se volete evitare di esporre nomi o altre informazioni, fatelo mettendo nella lettera [PROTAGONISTA] oppure [TITOLO DEL LIBRO] oppure [NOME DELLA SCUOLA] al loro posto, basta che il risultato sia comprensibile. Per essere più chiaro: non scrivete [LUOGO], ma spiegate che posto sia.
    CASO QUARTA DI COPERTINA) Scrivete la descrizione o la quarta che vorreste associare al vostro libro. In questo caso non c’è nulla da nascondere: fate del vostro meglio e incrociate le dita: qui c’è gente che legge parecchio e il loro giudizio sarà comunque un gran aiuto!
  2. Mandatela alla mia casella email: miscarparo70@gmail.com. Non utilizzate nessun altro canale. L’oggetto della mail dovrà essere “Acchiappami – lettera di presentazione” se è una lettera di presentazione, oppure “Acchiappami – QUARTA” nel caso di quarta di copertina. Potete inviare mail anonime, se credete, oppure indicare nel testo della mail che non volete apparire e io eviterò di mettere qualsiasi tipo di riferimento. La mail dovrà contenere, in un file a parte, la vostra lettera. Il file deve avere le seguenti caratteristiche:
    * nome “acchiappami-nome dell’autore-nome del libro” (se vorrete rimanere anonimi, potrete chiamarlo “acchiappami-anonimo-titolo”);
    * essere redatto OBBLIGATORIAMENTE in TIMES NEW ROMAN corpo 12, massimo 80 colonne;
    * il formato dovrà essere PDF, DOC, DOCX, ODT.
    Questo non perché io sia bizzarramente rigido, ma in relazione al fatto che ci sono delle specifiche da soddisfare, quando si fanno degli invii. Meglio abituarsi sin da subito all’idea.
  3. I testi saranno esaminati pubblicamente, dai lettori di questo blog. Ogni testo apparirà in un post univoco, pubblicato il primo venerdì disponibile, perché chiunque abbia un contributo da dare possa farlo avendo un intero week-end per rifletterci sopra. Scrivere è difficile. Farlo bene è difficilissimo. Nessuno ruberà le vostre idee, perché svilupparle in un libro richiede mesi di duro lavoro. Ogni scrittore ha già le proprie storie a cui badare, senza doversi accollare anche le vostre. Tutti gli altri, semplicemente, non saranno capaci di rubarvele.
  4. Il titolo del post sarà “Acchiappami n° X“. X, va da sé, sarà il progressivo affibbiato alla vostra storia.
  5. Tutti i generi sono accettati.
  6. Ricordate sempre che non sarà criticata la storia, ma la lettera o la quarta: la capacità di riassumere, la capacità di fornire informazioni commerciali utili a chi dovrà stampare e distribuire il libro, la capacità di convincere un possibile acquirente ecc.
  7. I post verranno raccolti in questa pagina, per renderne più semplice la consultazione.

Testi analizzati

Altre risorse

Annunci